fbpx

AZIENDA: IRCCS SAN MATTEO PAVIA

TIPOLOGIA: Concorso Pubblico

REGIONE: Lombardia

SCADENZA: in corso

PROFESSIONI E POSTI: 10 posti infermiere

 

Cercalo sulla mappa

HEY! ENTRA NEL GRUPPO FACEBOOK DEDICATO

Scambiatevi idee e dubbi sulla piattaforma social più famosa del mondo.

 

Scarica gli allegati

BANDO/BUR : BANDO-BUR Pavia

DELIBERA:Scarica gli allegati

ELENCO AMMESSI PROVA PRESELETTIVA:Scarica gli allegati

ELENCO AMMESSI PROVA SCRITTA:Scarica gli allegati

ELENCO AMMESSI PROVA PRATICA:Scarica gli allegati

ELENCO AMMESSI PROVA ORALE:Scarica gli allegati

Come prepararsi al concorso:

Come raggiungere la sede del concorso:

Il Concorso Pubblico

Cos’è?

Il concorso pubblico è la forma di reclutamento ordinaria per l’accesso ai ruoli della pubblica amministrazione (articolo 97, comma 3 della Costituzione) per cui :

“agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge”.

La normativa di riferimento è il Dpr n. 487 del 1994, che sancisce le norme di accesso agli impieghi delle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi.

Nello specifico:

  • Concorso pubblico per esami.

I concorsi per esami prevedono diverse prove; di norma una è scritta, una è a contenuto tecnico – pratico e una è orale.

La prova orale necessariamente comprende l’accertamento della conoscenza di una lingua straniera tra quelle indicate nel bando.

Il punteggio finale è espresso in centesimi ed è dato dalla somma della media dei voti conseguiti nelle tre prove.

  • Concorso pubblico per titoli.

Viene stilata una graduatoria sulla base esclusivamente dei tioli posseduti alla data di presentazione della domanda di partecipazione.

  • Concorso pubblico per titoli ed esami.

Questo tipo di concorso prevede la creazione di una graduatoria che non tiene solamente conto delle prove di esame, ma anche dei titoli posseduti.

I titoli più importanti da indicare sono: diploma o laurea, la formazione post – laurea (master, laurea magistrale, dottorato, ecc …); pubblicazioni; corsi inerenti il ruolo da ricoprire.

Il bando di gara

Il bando di gara è la fonte ufficiale del concorso.

Contiene tutte le informazioni utili per predisporre la domanda di partecipazione, i requisiti per l’ammissione, i termini di presentazione, i documenti da allegare.

Il bando indica anche sempre la data e il luogo delle prove e le materie di esame.

E’ pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica, alla sezione Concorsi ed esami e viene stampata dall’Istituto Poligrafico dello Stato o sui Bollettini Ufficiale della Regione (Bur).

Solitamente, sul Bur vengono pubblicati i bandi di concorso, gli avvisi e le graduatorie. Per questo motivo, sono consultabili su internet nelle pagine dei siti regionali.

In linea generale, per accedere agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni occorre possedere i seguenti requisiti generali:

  • Cittadinanza italiana (o cittadinanza comunitaria)
  • Maggiore età
  • Idoneità fisica all’impiego
  • Godimento dei diritti politici: non possono accedere agli impieghi coloro che sono stati esclusi dall’elettorato politico attivo
  • Assenza di cause ostative all’accesso: non possono accedere agli impieghi coloro che sono stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione

Sono indicati anche i requisiti specifici:

  • Titolo di studio: diploma o laurea da infermiere
  • Iscrizione all’albo professionale
  • Eventuale altro titolo (per esempio il master in coordinamento per il concorso da coordinatore o la laurea magistrale per il concorso per dirigente delle professioni sanitarie).

La domanda di partecipazione al concorso

Redatta secondo lo schema che viene comunemente allegato al bando di concorso, riportando tutte le indicazioni richieste.

Può essere redatta in carta semplice, e va sempre firmata e datata.

Tra i dati obbligatori ci sono:

  • Nome e Cognome
  • Data, luogo e provincia di nascita
  • Codice fiscale
  • Sesso
  • Residenza
  • Possesso della cittadinanza italiana
  • Comune nelle cui liste elettorali si è iscritti
  • Titolo di studio
  • Idoneità fisica all’impiego
  • Di non avere riportato condanne penali o sentenze di patteggiamento (in caso positivo specificare quali)
  • Di non avere in corso procedimenti penali (in caso positivo specificare quali)
  • Di non essere stati interdetti dai pubblici uffici né destituiti ovvero licenziati o dispensati dall’impiego presso una Pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero di non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale a seguito dell’accertamento che l’impiego stesso è stato conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.

La domanda può essere spedita tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno; anche se,  alcune amministrazioni inoltre ammettono la consegna a mano.

Fortunatamente, sempre più spesso è ammesso l’invio tramite Pec (posta elettronica certificata).

La data di spedizione delle domande è stabilita e comprovata dal timbro a data dell’ufficio postale accettante, a meno che il bando non preveda diversamente, ma in questo caso dovrà essere espressamente indicato.

Le prove d’esame

Il diario delle prove scritte deve essere comunicato ai singoli candidati almeno quindici giorni prima dell’inizio delle prove stesse.

Tale comunicazione può essere sostituita dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica – IV serie speciale – Concorsi ed Esami. Il bando specifica sempre le materie oggetto delle prove e la votazione minima richiesta per l’ammissione alle prove orali.

A seconda della tipologia di concorso a cui si partecipa il numero delle prove sarà diverso.

Nel bando viene di norma indicato il link del sito internet in cui visionare il calendario delle prove o se seguirà una comunicazione a mezzo posta.

Il concorso pubblico prevede che si attesti durante una delle prove la conoscenza di una lingua straniera indicata nel bando e di conoscenze informatiche.

Graduatoria

La graduatoria che scaturisce da un concorso pubblico è una graduatoria per contratti a tempo indeterminato.

Al momento della pubblicazione, e di norma anche nel bando, viene indicata la validità massima della graduatoria (di solito tre anni dalla data di pubblicazione.) Al termine temporale, essa decade.

A questo proposito si ricorda che la legge Finanziaria, negli ultimi anni, ha dato la possibilità alle amministrazioni di prorogare la scadenza delle graduatorie.

Nel dettaglio, le fasi del concorso sono:

  1. Pubblicazione del bando
  2. Presentazione delle domande dei candidati entro 30 giorni dalla pubblicazione del bando
  3. Nomina della commissione esaminatrice (comunemente viene pubblicata una determina talvolta consultabile anche sulla sezione “concorsi” del sito dell’azienda sanitaria)
  4. Svolgimento delle prove di esame
  5. Valutazione dei titoli e delle prove
  6. Attribuzione del punteggio
  7. Formulazione della graduatoria
  8. Approvazione della graduatoria e dei vincitori di concorso; delibera aziendale e pubblicazione sul Bur

 

Cerchi altro?

Lascia un commento

Add a comment